martedì 9 luglio 2013

"Storia di una saga familiare: a pasta ca cucuzza fritta" di Zino Citelli

Può una ricetta, che spesso è frutto della tradizione, diventare di pura fantasia ed essere modificata o rielaborata per evitare liti? Si, questo è successo a me e lo racconto.
In estate, uno dei piatti preferiti dai palermitani è la pasta con la zucchina fritta una vera delizia per il palato, una ricetta semplice e veloce che per la preparazione, richiede questi ingredienti: una zucchina napoletana, basilico, olio d’oliva, sale, pepe e parmigiano ed ovviamente la pasta.
Unico neo di questa ricetta è il fatto che non si può dosare bene la quantità di zucchine sulle singole porzioni e, visto che le nostre mamme mettevano anche le zucchine a parte sul piatto al centro tavola, succedeva regolarmente che qualche furbetto prendeva più zucchine rispetto agli altri commensali, senza contare quelle che si fregava durante la frittura quando, con fare circospetto ma con scatto fulmineo, si avvicinava al piatto per il famoso assaggino, pratica questa tipica dei fratelli maggiori e dei cognati, gli stessi che però si rifiutano di assaggiare la pasta SQUARATA per vedere se è cotta. Siccome, a tutti ci piace mangiare e anche bene, ho deciso che questo problema andava risolto e che non si poteva fare più questa vita.
Quindi ho pensato bene di rielaborare la ricetta della pasta con le zucchine fritte in versione, diciamo, anti taccheggio.
La variante principale consiste nel raccogliere tutte le zucchine appena FRIUTE, lasciando da parte solo qualche rondella per guarnire i piatti. Quindi, andranno riposte in un contenitore con l’aggiunta di un paio di cucchiai di olio extra vergine di oliva una buona spolverata di parmigiano grattugiato, basilico quanto basta, pepe nero e sale. Ricordatevi sempre di lasciare delle rondelle di zucchine e delle foglie di basilico per guarnire i piatti.

Il contenuto si frulla fino ad ottenere una crema che dovrete assaggiare per eventuali correzioni di sale pepe e formaggio. A questo punto ci troviamo una scodella con il MACCO RI CUCUZZE ed il gioco diventa semplice: una volta scolata la pasta con l’aggiunta di pochissima acqua di cottura si mescola il tutto e si può servire nei piatti preoccupandosi solo di mettere su ogni porzione qualche rondella di zucchina, un ciuffo di basilico e una spolverata di parmigiano. La ricetta anti taccheggio è servita. EBBIRI CHIMMANCI…