lunedì 3 marzo 2014

Bavette con pesto di rucola

La rucola Eruca sativa - o ruchetta (a volte trasformata in rughetta) è un’erbetta fresca dal gusto piccante che spopola nei piatti dei ristoranti e delle pizzerie italiane sin dai fatidici anni Ottanta. È così presente da essere inflazionata e, sinceramente, quando il cameriere mi illustra il piatto prescelto concludendo con la fatidica frase “su un letto di rucola”, mi prende una sorta di brivido freddo e sento le mie papille solidarizzare con i miei neuroni irritati.

La rucola, in verità, ha un buon sapore ed è molto gradevole in alcune insalate o gustata al naturale bagnata in una semplice vinagrette o, come ho potuto fare grazie al mio amico Matthew Grunewald, in una squisita salsa di sesamo giapponese. Ma è eccezionale anche cotta, lessata e ripassata in padella con aglio, olio e peperoncino oppure ridotta in pesto per condire un buon piatto di pasta asciutta.

E, quindi, quando mi ha telefonato la mia carissima Angela dicendomi “Ho della rucola fresca dell’orto di mio fratello e te ne ho preparato un sacchetto. La vuoi?”, i miei neuroni piuttosto che innervosirsi si sono eccitati e mi hanno fatto rispondere nell’unico modo lecito “Certo che la voglio”. Ed era talmente tanta che l’ho potuta degustare e fare degustare in tutti i modi possibili.

Ed ora la ricetta del pesto, semplice, rapida e saporita.

Ingredienti (per 4 persone): 400 g. di rucola fresca; 1 spicchio d’aglio; 25 g. di burro; 25 ml. di olio extravergine d’oliva; 30 g. di mandorle sgusciate; 2 cucchiai di Grana Padano grattugiato; sale e pepe q.b.; 500 gr. di bavette (o altro formato di vostro gradimento).
Procedimento: Dopo aver ben lavato la rucola, lessarla in acqua bollente aggiungendo il sale dopo circa 2 minuti dalla ripresa del bollore. Quando cotta, scolarla e metterla in un frullatore con tutti gli altri ingredienti e ridurla ad un pesto ben liscio. Se dovesse presentarsi troppo denso, aggiungere qualche cucchiaio dell’acqua in cui è stata cotta la verdura.
Cuocere la pasta al dente e condirla con la salsa di rucola.

Consigli: Accompagnare questo primo piatto con un vino bianco fruttato, non troppo strutturato e poco morbido che esalterà la delicatezza del pesto lasciando permanere in bocca una gradevole sensazione di freschezza.


Nota: Inutile dirvi che ha anche proprietà afrodisiache…ma per questo vi rimando al link allegato di seguito.

Rucola, erba lussuriosa